Una TAC al giorno..

ScreenHunter_160 Sep. 07 20.04Sembra sia diventato impossibile formulare una diagnosi senza una TAC , una Risonanza Magnetica o altre indagini strumentali più o meno raffinate (e costose). La visita clinica, l’esame obiettivo, l’ascoltare il racconto del paziente sono diventati atti superflui nel tempo della medicina difensiva, della ultra-specializzazione, delle macchine che sostituiscono i medici. Circa il 50% dei bambini condotti al Pronto soccorso per un trauma cranico minore sono sottoposti alla TAC. Nella maggior parte dei casi quest’esame non è necessario, non si attendono i risultati dell’osservazione clinica. Così per il bambino che presenta convulsioni febbrili, o per quello che presenta dolori addominali: sono situazioni cliniche in cui spesso si abusa di queste ricerche diagnostiche. I bambini sono estremamente sensibili alle radiazioni che ricevono con queste indagini. Un’esposizione inutile a elevate quantità di tali radiazioni aumenta il rischio di cancro, soprattutto a carico del tessuto cerebrale. La RM è associata ai rischi dell’anestesia. I costi del sistema sanitario aumentano, sottraendo le scarse risorse economiche ad altri fini più utili.

Condividi:
Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook