L’età del morbillo

 

L’epidemiologia del morbillo è stata modificata dalla vaccinazione. Dapprima era una malattia eccezionale nel primo anno di vita del bambino (1), oggi è sempre più frequente anche in lattanti di pochi mesi.

Le donne in età fertile che non hanno avuto la malattia naturale ma che sono state vaccinate presentano livelli di anticorpi bassi e trasmettono al neonato una protezione inefficace.

Condividi:
Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

Ed il pesce, allora?

Il 17 dicembre, durante una tempesta con venti fino a 120 km/h e onde alte fino a 9 metri, il cargo-traghetto “Venezia” della Compagnia Grimaldi, in navigazione da Catania a Genova, avrebbe “perso” due semirimorchi carichi di sostanze solide inorganiche.  L’allarme è stato dato ben 11 giorni dopo l’inabissamento dei 224 fusti, contenenti ciascuno 200 chili di catalizzatori di monossido di cobalto e molibdeno, “materiale che, al contatto con l’aria, può infiammarsi sprigionando polveri e gas nocivi”.

Condividi:
Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

Mucolitici?No grazie

Uno dei motivi per cui ho cominciato ad interessarmi di fitoterapia ed a studiare omeopatia è stata la considerazione che non potevo continuare a prescrivere mucolitici… Passare la vita a consigliare quei prodotti, che oggi sono da banco, ma all’inizio della mia attività erano “farmaci da dispensare dietro ricetta medica” mi sembrava davvero triste…Non c’è niente di peggio che dover consigliare una cosa in cui non credi.(…)

Condividi:
Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

Non mi piace il kebap

Mi piace cucinare. Soprattutto i piatti della tradizione regionale. Uso prodotti freschi, biologici, di filiera corta. I risultati sono apprezzati da chi assaggia i miei piatti. Anche i bambini degli asilo-nido mangiano volentieri quello che propongo nelle tabelle dietetiche della refezione scolastica. Le cuoche che realizzano le mie ricette sono davvero brave.

Condividi:
Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook