Chi paga il pifferaio scieglie la musica

il-pifferaio-magico02

In giornate così calde, si cerca refrigerio anche con bibite e bevande. Io evito quelle che contengono Il 4-metilimidazolo, in Europa identificato dal codice E150d,  che conferisce il classico color caramello alle bibite a base di cola (es. Coca Cola e Pepsi), di chinotto, e di thè. Dal 2008 il 4-metilimidazolo è inserito nella lista di sostanze nocive per la salute dell’uomo per il rischio di cancerogenicità. Secondo i dati del  Center for Science in the Public Interest  (CSPI, una delle più importanti associazioni che si occupano dell’impatto delle sostanze tossiche sulla salute)  i livelli di 4-MEI nelle bevande a base di cola delle maggiori corporation aumentano il rischio di cancro sino a 4,8 casi su 100.000 . “Può nuocere gravemente alla salute” è quanto sarebbe dovuto comparire sulle bottiglie e sulle lattine delle diffusissime bevande, in base alla legge californiana, dove la sensibilità ambientalista e l’attenzione contro le sostanze inquinanti e tossiche presenti nel cibo e nell’acqua sono molto alte.

Con la “California Safe Drinking Water and Toxic Enforcement Act” hanno inteso salvaguardare l’acqua potabile e le bevande dalla presenza di sostanze tossiche, cancerogene o mutagene, vietando la vendita dei prodotti che li contengono o imponendo l’obbligo di renderne nota la presenza segnalando i pericoli che l’assunzione comporta. Per evitare di apporre la “scomoda” etichetta sulle bottiglie delle tanto amate bevande la Coca-cola e la Pepsi-cola hanno modificare la formula segreta, ma non in Europa, dove l’E150d è ancora ammesso. Mancherebbero le evidenze scientifiche della tossicità alle dosi assunte. Ma chi deve fornire questi studi se gli articoli scientifici sulle bevande più comunemente consumate sono dalle quattro alle otto volte a vantaggio degli interessi finanziari della ditta che li sponsorizza, rispetto ai risultati degli articoli che non ricevono finanziamenti dalle industrie? Nessuno tra gli studi sulle bibite gassate  sostenuti dall’industria arriva ad una risultato negativo. Neanche uno.

“Chi paga il pifferaio sceglie la musica”, sia per i prodotti alimentari che per i farmaci ed i vaccini.

http://www.rischiochimico.it/drupal/content/colorante-cancerogeno-nella-coca-cola-e-pepsi-il-4-metilimidazolo-e150d

Lesser LI, Ebbeling CB, Goozner M, Wypij D, Ludwig DS (2007) Relationship between Funding Source and Conclusion among Nutrition-Related Scientific ArticlesPLoS Med 4(1): e5. doi:10.1371/journal.pmed.0040005

Condividi:
Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook